Il monumento più strano di tutti gli Stati Uniti si trova su un’arida pianura del nord-est della Georgia. Cinque enormi lastre di granito lucido si ergono dal terreno formando il disegno di una stella. Sono alte tutte 16 metri e quattro di loro superano le 20 tonnellate ciascuna ed insieme sostengono una chiave di volta del peso di circa 11 tonnellate. Avvicinandosi alla struttura è difficile non pensare subito a Stonehenge oppure all’inquietante monolito del film 2001: Odissea nello spazio. Costruite nel 1980, queste lastre di colore grigio chiaro attendono silenziosamente la fine del mondo così come lo conosciamo.
Il monumento, chiamato le Guidestones della Georgia, è un mistero: nessuno sa esattamente chi lo abbia commissionato e perché. Gli unici indizi circa la sua origine sono una piastra sul suolo, che riporta le dimensioni della struttura e spiega come il complesso di pietre sia orientato, attraverso una complicata serie di fori, per seguire il movimento del sole e delle stelle e, soprattutto, le direttive scolpite nella roccia di ciascuna lastra.



Queste istruzioni vengono visualizzate in otto lingue diverse che vanno dall’inglese allo swahili e riflettono una particolare ideologia New Age. Alcune di queste direttive sono vagamente eugenetiche mentre altre si rifanno al misticismo della cultura hippie.
E’ opinione abbastanza comune che le Guidestones abbiano lo scopo di istruire i frastornati superstiti di un’eventuale apocalisse su come ricostruire la civiltà. Non tutti però sono d’accordo con questa interpretazione, infatti per oltre tre decenni questa misteriosa struttura ha dato adito ad ipotesi che vanno dalla magia all’horror. Ci sono sostenitori di questo monumento, come Yoko Ono che ne ha elogiato il messaggio, e detrattori che affermano che si tratta dei dieci comandamenti dell’anticristo.
In ogni caso, chiunque fossero gli anonimi progettisti delle Guidestones, sapevano bene quello che stavano facendo: Il monumento è una struttura di alta ingegneria che traccia perfettamente il moto apparente del sole. Inoltre l’aura di mistero che è stata volutamente ed attentamente creata attorno ad esse ha senza dubbio contribuito ad aumentarne la fama.


La storia di questo monumento iniziò un pomeriggio di venerdì del giugno 1979, quando un elegante signore dai capelli grigi, che si presentò come Robert C. Christian, giunse nella contea di Elbert e si diresse verso gli uffici della Elberton Granite Finishing. Egli affermò di rappresentare “un piccolo gruppo di leali americani" che avevano in programma l’edificazione di un insolitamente grande e complesso monumento di pietra. Christian era venuto ad Elberton, conosciuta come la capitale mondiale del granito, perché riteneva che dalle sue cave si estraesse il miglior granito del pianeta.
Joe Fendley, presidente della Elberton Granite, annuì con aria assente, preso com’era dalla fretta di completare il suo libro paga settimanale. Ma quando Christian prese a descrivere il monumento che aveva in mente, Fendley sospese immediatamente quello che stava facendo. Non solo quell’uomo stava chiedendo le pietre più grandi di qualsiasi altre mai estratta nella contea, ma voleva tagliarle, levigarle, ed assemblarle in una sorta di enorme meccanismo astronomico.
Alla domanda di Fendley sullo scopo di quella struttura, Christian spiegò che sarebbe servita da bussola, calendario ed orologio. Inoltre su di essa dovevano essere incise una serie di linee-guida scritte in otto delle principali lingue del mondo e doveva esser in grado di resistere agli eventi più catastrofici, in modo che l’umanità superstite avrebbe potuto utilizzare tali regole per creare una civiltà migliore di quello che stava per autodistruggersi.
Qualche anno dopo, intervistato da un reporter televisivo di Atlanta, Fendley dichiarò di aver cercato di dissuadere Christian chiedendo una cifra molto superiore a qualsiasi altro progetto commissionato prima, ma l’uomo non aveva fatto una piega e si era limitato a chiedere quanto tempo sarebbe stato necessario per la realizzazione.
Per il finanziamento della struttura Christian, su indicazione di Fendley, si rivolse al banchiere Wyatt Martin, l’unico oltre a Fendley ad aver visto in faccia il misterioso R.C. Christian. Questi rivelò a Martin che il suo era uno pseudonimo ed il suo gruppo aveva pianificato l’opera per almeno 20 anni e voleva rimanere anonimo per sempre.
Christian rivelò il suo vero nome solo a Martin che fu l’unico intermediario dell’operazione e fu obbligato a firmare un accordo di riservatezza che lo impegnava a non divulgare le informazioni ed a distruggere tutti i documenti e gli atti relativi al progetto al termine della costruzione del monumento. Proprio per proteggere questo anonimato i pagamenti avvennero tramite trasferimenti di fondi da diverse banche del paese.
La costruzione delle Guidestones iniziò dopo l’estate del 1979, l’inaugurazione avvenne nel marzo del 1980.
Le specifiche astronomiche si rivelarono così complesse che Fendley dovette assumere un astronomo dell’ Università della Georgia per poter completare il progetto.
Le quattro rocce esterne infatti dovevano essere orientate in base al movimento annuale del sole. Il pilastro centrale invece doveva avere due caratteristiche: un foro attraverso il quale si poteva vedere la  Stella Polare in ogni momento dell’anno ed una fessura che doveva allinearsi con la posizione del sorgere del sole durante i solstizi e gli equinozi.


Infine un foro di 22 millimetri sulla lastra superiore doveva permettere il passaggio a mezzogiorno esatto, di un raggio di luce che si sarebbe proiettato su un lato del pilastro centrale, in modo da indicare il giorno dell'anno.


Ovviamente però la caratteristica principale del monumento sono le 10 linee guida incise su entrambe le facce delle lastre esterne in otto lingue: inglese, spagnolo, russo, cinese, arabo, ebraico, hindi e swahili.
Il testo tradotto in italiano è il seguente:
Mantieni l'Umanità sotto 500.000.000 in perenne equilibrio con la natura.
Guida saggiamente la riproduzione, migliorando salute e diversità.
Unisci l'Umanità con una nuova lingua viva.
Domina passione, fede, tradizione e tutte le cose con la sobria ragione.
Proteggi popoli e nazioni con giuste leggi e tribunali imparziali.
Lascia che tutte le nazioni si governino internamente, e risolvi le dispute esterne in un tribunale
mondiale.
Evita leggi poco importanti e funzionari inutili.
Bilancia i diritti personali con i doveri sociali.
Apprezza verità, bellezza e amore, ricercando l'armonia con l'infinito.
Non essere un cancro sulla terra, lascia spazio alla natura, lascia spazio alla natura.
Inoltre su ogni bordo della lastra superiore è stata incisa un’altra iscrizione, per quattro volte, ed in quattro lingue morte: Babilonese, Greco, Sanscrito e geroglifici egiziani. La scritta recita: “Lascia che queste pietre-guida conducano ad un’Era della Ragione”.



La misteriosa storia di R.C. Christian e l’assenza di informazioni circa vero significato delle Guidestones, a distanza di più di trent’anni dalla loro costruzione continua ad alimentare le ipotesi più disparate e controverse. In ogni caso la domanda principale rimane: perché un gruppo di persone facoltose ha investito così tanto denaro per una struttura di questo tipo ? Quale era (è) il loro vero scopo ?

Fonte: Wired Magazine
08/11/14

0 commenti: